Analisi del capello – Mineralogramma

mineralogramma

Il Mineralogramma è un test che rientra tra le analisi del capello, anche se può essere praticato per indagare non solo lo stato della chioma, ma anche il corretto funzionamento del corpo.

Cos’è il Mineralogramma?

Il Mineralogramma o Analisi Minerale Tissutale (TMA) è un test di laboratorio effettuato su un tessuto molle, come il capello ed è adatta a verificare la concentrazione nell’organismo dei principali minerali (oligoelementi) e metalli pesanti tossici (piombo, mercurio, cadmio, alluminio). Si tratta di uno screening test che, per definizione, non fornisce la diagnosi di una malattia o condizione patologica, ma può risultare utile se associata ad altre tipologie di esami, come le analisi del sangue, per presentare un quadro più dettagliato della salute della persona.

I presupposti sui quali si basa il Mineralogramma riguardano le relazioni esistenti tra il Sistema Neurovegetativo Autonomo e le funzioni di alcuni organi, funzioni psichiche e delle ghiandole endocrine.

Perché analizzare i minerali?

I minerali che sono studiati con questo esame sono: calcio, magnesio, potassio e sodio.

Analizzare i minerali nel corpo è importante per testare lo stile di vita e lo stato di salute dell’individuo, compresa la sua dieta alimentare, in quanto queste sostanze restano incorporate nei capelli per tutta la durata del loro ciclo di crescita. L’organismo non tollera carenze ed eccessi di minerali poiché queste situazioni potrebbero portare a uno scompenso funzionale, che può provocare patologie di difficile accertamento.

A cosa serve il Mineralogramma?

Il test può fornire le seguenti informazioni:

  • Intossicazione da metalli pesanti: questa è potenziata da una mancanza dei minerali essenziali come calcio, sodio, potassio, fosforo, magnesio, ferro, zinco, cromo, manganese, selenio e rame;
  • Attività ghiandolare: corretto funzionamento della ghiandola tiroidea;
  • Stress e sua gestione da parte del Sistema Nervoso Autonomo;
  • Predisposizione a malattie;
  • Profilo energetico alimentare del soggetto: adatto a mantenere l’equilibrio psicofisico.

Come si svolge l’esame?

Il Mineralogramma si esegue su un campione di capelli di circa 3 cm (per un peso di 0,5 gr) ed è prelevato dalla nuca nella parte più vicina allo scalpo.

Esecuzione del test:

  1. riduzione del campione di capelli in piccole parti;
  2. lavaggio in soluzione neutra per eliminare le sostanze esterne;
  3. sciogliere il campione in soluzione acida per rimuovere la cheratina;
  4. reidratazione e bruciatura a 8000-10000°C dello stesso: ogni minerale emette una luce specifica di lunghezza d’onda e tramite uno spettrofotometro  di massa ad assorbimento atomico è possibile calcolare quali minerali e in che quantità sono presenti nei capelli.

Alcuni fattori possono incidere sul test e alterare l’esito come l’esposizione della chioma al cloro della piscina, tinture, l’uso di shampoo aggressivo, decolorazioni, permanente e altri trattamenti invasivi sui capelli.

Perché scegliere il Mineralogramma?

Il Mineralogramma è importante per individuare:

  • eventuali carenze oligominerali nell’organismo (da integrare con una dieta alimentare);
  • la presenza di una quantità anomala di radicali liberi;
  • un’alta concentrazione di piombo nei capelli (segnale di inquinamento ambientale o alimentare);
  • quale tipo di trattamento tricologico adottare;
  • un’eventuale precoce caduta dei capelli.


Leggi anche questi articoli

Cura dei capelli deboli in inverno

Cosa intendiamo per capelli deboli? Vediamo assieme come curare i capelli deboli, secchi e sfibrati in un periodo delicato come quello invernale.