Analisi dei capelli e tecniche diagnostiche

L’analisi dei capelli e della situazione tricologica non può prescindere da due grandi aree di indagine e intervento:

l’anamnesi: questa prima fase di indagine sui fattori responsabili delle problematiche legate ai capelli è molto importante e consiste in un confronto diretto con l’interessato in merito alle varie complicazioni che accompagnano la problematica (come ad esempio il prurito). Tale discussione si rivela utilissima per comprendere la natura e la storia delle problematica e per inquadrare in una macro area la casistica. E’ spesso utile accompagnare all’anamnesi l’utilizzo di un supporto da compilare come un listato di informazioni imprescindibili da richiedere o un questionario

le tecniche diagnostiche: esistono da sempre più tecniche di diagnosi per indagare lo stato del capello e/o del cuoio capelluto, ne elenchiamo di seguito alcune sulle quali è possibile cliccare per approfondimento (( Fonte: Tosti op.cit. ))

Da segnalare anche il mineralogramma come test “discusso” (da alcune voci autorevoli considerato inutile) spesso proposto per l’indagine delle patologie dei capelli e sebometria e corneometria come esami utili ma meno diffusi e legati soprattutto ai problemi di eccesso di sebo.

Entrambe le fasi di analisi elencate hanno eguale importanza e compongono una completa indagine tricologica.


Leggi anche questi articoli

Trapianto di capelli: quando ricrescono i capelli?

Quali sono le tempistiche di ricrescita dei capelli dopo essersi sottoposti al trapianto di capelli? Nelle prime settimane i miglioramenti sono quasi impercettibili ma vediamo assieme quali sono le tempistiche!

Telogen

È la fase di riposo e il periodo terminale durante il quale il capello si trova ancora nel follicolo pilifero … Vedi articolo