Calvizie

La Calvizie è essenzialmente lo stato di mancanza parziale o totale di capelli sul cuoio capelluto. Essa può essere distinta ed identificata in diversi stadi di avanzamento definiti nelle apposite scale di Hamilton e Norwood.
Questo tipo di Alopecia definita come Alopecia Androgenetica è la più diffuso tra i soggetti e colpisce sia il genere maschile che quello femminile.
Le cause principali oltre a quelle esterne (agenti chimici e climatici) sono da ricercare nel gene umano e per la precisione negli ormoni maschili.
Tali ormoni a contatto con l’enzima 5-a reduttasi (cinque alfa reduttasi) contenuto nelle cellule dei follicoli, trasformano il testosterone in DHT (diidrotestosterone) causandone così la caduta genetica.
La Calvizie colpisce quindi in aree del cuoio capelluto ben identificate “salvando” le aree laterali ed occipitali. Proprio per questo motivo, l’area di prelievo in caso di autotrapiando è identificata posteriormente in corrispondenza di quella occipitale.


Leggi anche questi articoli

Trapianto di capelli: quando ricrescono i capelli?

Quali sono le tempistiche di ricrescita dei capelli dopo essersi sottoposti al trapianto di capelli? Nelle prime settimane i miglioramenti sono quasi impercettibili ma vediamo assieme quali sono le tempistiche!

Telogen

È la fase di riposo e il periodo terminale durante il quale il capello si trova ancora nel follicolo pilifero … Vedi articolo

Catagen

È una fase transitoria, nella quale le attività del follicolo pilifero si bloccano e il bulbo non produce più cellule, … Vedi articolo