La forfora, denominata scientificamente Pityriasis Capitis, è un fenomeno molto diffuso che consiste in una eccessiva desquamazione del cuoio capelluto. Si presenta sotto forma di squame facilmente distaccabili e sottili, di colore grigio-biancastro, a livello del cuoio capelluto e dei capelli. Oltre ad essere una vera e propria malattia del cuoio capelluto, è anche un disturbo che può causare veri disagi di tipo psicologico. Infatti, la forfora che si deposita sulle giacche dà immediatamente un aspetto disordinato e poco curato. Il rinnovamento delle cellule della cute è un processo fisiologico e quindi naturale, che però può diventare un problema se la desquamazione è troppo abbondante ed è accompagnata da eccesso di sebo, arrossamento e prurito. La presenza della forfora è segno di numerose affezioni del cuoio capelluto, tra le quali la più frequente è la dermatite seborroica. La forfora può associarsi ad altri problemi dei capelli come ad esempio i capelli grassi.

Tipi di forfora

Esistono almeno due diversi tipi di forfora, nello specifico:

  • Forfora grassa: è spesso provocata da una lieve dermatite seborroica, che è un’infiammazione della pelle.  Quest’irritazione colpisce le zone ricche di ghiandole che producono sebo, che appaiono arrossate e desquamate. Questi sintomi si possono anche associare ad alopecia androgenetica (cioè eccessiva caduta dei capelli).  Il cuoio capelluto quindi si arrossa e le squame sono grandi (superiori ai 2 millimetri), di color giallastro, untuose e  non “cadono sulle spalle” ma restano attaccate al cuoio capelluto.  La forfora grassa quasi sempre provoca un fastidioso ed intenso prurito, sulla sommità del capo o dietro le orecchie e si presenta spesso con squilibri ormonali, soprattutto negli uomini. Altri fattori che influiscono su questo disturbo sono lo stress e la scarsa igiene personale.
  • Forfora secca: è quasi sempre provocata da un rapido sviluppo di alcune cellule dello strato epidermico superficiale. Questo tipo di forfora è inoltre presente nelle persone affette da eczema da contatto o da psoriasi. Il cuoio capelluto risulta essere facilmente irritabile, il che determina il grattamento e la relativa caduta delle squame. La loro grandezza varia da soggetto a soggetto e si presentano solitamente in corrispondenza delle tempie, della fronte e delle orecchie. Sono per lo più di colore grigio o bianco, di consistenza abbastanza farinosa e molte volte sono visibili anche ad occhio nudo. Questo tipo di forfora non provoca quasi mai molto prurito e nemmeno un eccessiva caduta dei capelli, ma sicuramente un effetto antiestetico. Il disturbo è quasi sempre soggetto a stagionalità e si manifesta con maggiore intensità nelle stagioni fredde, per poi attenuarsi durante l’estate. Le condizioni fisiologiche dell’individuo possono aggravarne la situazione, lo stress in particolare influisce sia sui processi di digestione che sulla secrezione sebacea cutanea.

Cause della forfora

La comparsa della forfora è causata da una serie di fattori collegati a:

  • alimentazione
  • metabolismo dei grassi
  • possibili problemi di digestione
  • problemi di tipo psicologico.
  • Tutte le persone possono soffrire di questo disturbo in alcuni particolari momenti.

Come combattere la forfora?

In commercio esistono moltissimi prodotti, shampoo o lozioni antiforfora. Possono contenere sostanze germicide per combattere i microorganismi, oppure sostanze cheratolitiche per eliminare le cellule morte e limitare la successiva desquamazione. L’uso prolungato di prodotti cheratolitici può però causare una riduzione dello strato corneo ed aumentare la seborrea. Esistono soluzioni a base di acidi che si presentano però come terapie forti e non sempre tollerate, la soluzione più praticabile è l’incremento della frequenza dei lavaggi e l’utilizzo di uno shampoo specifico abbinato ad una lozione. Visitate la sezione I NOSTRI PRODOTTI ANTIFORFORA per scoprire quali sono le soluzioni che vi proponiamo per combattere l’annoso problema della forfora. Visitate la sezione CONSIGLI UTILI CONTRO LA FORFORA per scoprire quali sono i “trucchi” per alleggerire il problema della forfora.

Domande frequenti sulla forfora

La forfora fa perdere i capelli? La forfora va curata per mantenere il cuoio in ottima salute, ma gli effetti della forfora non possono andare a ledere il bulbo del capello. Grattare con le unghie e i polpastrelli per far andare via le scagliette di forfora rovina i capelli? Grattare con forza è un modo importante e profondo per pulire e rendere la cute più sana. Lavare la cute tutti i giorni è importante per eliminare gli effetti più sgradevoli della forfora. Un approfondimento sul nostro blog: 6 consigli per combattere la forfora.

Richiesta informazioni

Per ricevere un consulto personalizzato senza impegno o fissare un appuntamento o un check up gratuito presso una delle nostre sedi, compilare il form sottostante.

Nome e cognome (*)

Telefono

E-mail (*)

Il tuo messaggio

Vorrei essere contattato:
Via email Al telefono