Crioterapia

Si tratta di un tipo di terapia fisica che utilizza il freddo come strumento.
In alcuni casi viene utilizzata per la cura dell’alopecia areata.
Consiste nel raffreddare la zona colpita dalla patologia in modo da favorire un temporaneo ristagno del sangue che faciliterebbe l’assunzione delle sostanze nutritive da parte della matrice del capello.
Il raffreddamento può avvenire con della “neve carbonica”, ovvero anidride carbonica allo stato solido, che raggiunge una temperatura di -78°C; oppure attraverso dell’azoto liquido (-196°C), che vengono massaggiati direttamente sul cuoio capelluto.
I dermatologi non sono concordi nell’indicare i metodi di applicazione, tempi e durate della terapia, anche se in genere questa dovrebbe durare per circa venti minuti ed essere svolta a cadenza settimanale.


Leggi anche questi articoli

Trapianto di capelli: quando ricrescono i capelli?

Quali sono le tempistiche di ricrescita dei capelli dopo essersi sottoposti al trapianto di capelli? Nelle prime settimane i miglioramenti sono quasi impercettibili ma vediamo assieme quali sono le tempistiche!