Alimentazione e capelli

Capelli che cadono più del consueto, che si spezzano o spenti, sono spesso la conseguenza di un alimentazione sbagliata, che non da il giusto apporto di sostanze nutritive (aminoacidi, vitamine e sali minerali) all’organismo e quindi anche al capello.

I capelli sono costituiti da circa l’80% da proteine (soprattutto cheratina), mentre il restante è formato da acqua, lipidi, minerali e pigmenti.

Per mantenere capelli belli e soprattutto sani, è necessario fornire il “nutrimento” necessario al mantenimento della salute dei capelli, assumendo : proteine, grassi, vitamine, minerali e fermenti lattici.
Molto utili sono le proteine contenute in uova, latte, formaggi, carne e pesce, e proteine vegetali contenute in ceci, fagioli, lenticchie e soia. Una dieta povera di proteine porterà ad avere capelli secchi, fragili, con riduzione del diametro e con crescita lenta.

Fra i grassi, il più sano è sicuramente l’olio di oliva, ricco di vitamina E, che funge da antiossidante. Non bisogna dimenticare l’importanza degli zuccheri, preferibilmente quelli integrali (contenuti nei cereali).

Le vitamine A e B favoriscono la crescita, mentre lo zinco regolarizza la produzione di sebo, e sono utili per problemi di forfora e secchezza. Se invece i capelli tendono a cadere a ciocche, potrebbe esserci una carenza di ferro e vitamine del gruppo B, che aiutano a mantenere le chiome sane e robuste.
Le vitamine sono indispensabili per la salute del capello: quelle del gruppo B sono presenti nella verdura verde scuro, nel latte e nei latticini, nel lievito di birra e nelle banane, mentre le vitamine A, C, D, H e soprattutto E si trovano nella frutta (soprattutto carote e albicocche) e nella verdura, nei cereali, nel pane integrale, nelle uova, nella soia e nel miele.

Importanti sono anche i sali minerali come il ferro che serve per l’ossigenazione dei tessuti, lo zinco, e il manganesio, che contribuisce al processo di composizione della melanina, il calcio e il rame, tutti consigliati in casi di accentuata caduta dei capelli. Si trovano nella carne bianca e rossa, nel pesce, nelle uova, nei cereali e nei latticini.

La carenza di amminoacidi può causare capelli fragili e deboli; tra questi, la cisteina si trova nei latticini, e la metionina  e’ presente nei formaggi, nel pollo e nelle uova.

Da non trascurare è l’apporto dato dai fermenti lattici, ottimi aiuti per disintossicare e riequilibrare il capello. Si possono assumere attraverso  il latte e lo yogurt oppure sotto forma di integratori.

Il lievito di birra e il polline stimola i tessuti, nutrendoli, rinforzando i capelli e facendo crescere il fusto.

Bere molta acqua non aiuta solo il nostro corpo, ma anche i nostri capelli a mantenersi idratati e lucenti.

In casi particolari e dietro consiglio del medico, si possono assumere integratori a base di  ferro, zinco, rame, calcio, magnesio, manganese, vitamina A, C, E, H, che aiutano l’organismo a riequilibrarsi.


Leggi anche questi articoli

Cura dei capelli deboli in inverno

Cosa intendiamo per capelli deboli? Vediamo assieme come curare i capelli deboli, secchi e sfibrati in un periodo delicato come quello invernale.